BikeRide.it
ALESSIO

Primavera
15/11/2020 22:32:08
Post di ALESSIO
GestioneContatta

La primavera arriva quando sei distratto,
tra le nubi,
di soppiatto.
Quando pensi che ancora è presto,
e cammini a spalle strette,
e lei, illumina la pioggia.

La primavera è un filo d’erba troppo solo,
è una foglia troppo verde,
un germoglio troppo gracile per sopravvivere.
E’ un futuro inesorabile,
che non ha bisogno delle tua fiducia per avverarsi.
E’ una pozzanghera luminosa, e un cane se la beve.

La primavera è il silenzio di chi vuol ascoltare.
E’ figlia della terra e dei suoi squilibri perfetti,
del sole, e dalla sua potenza,
della vita, e della sua pazienza.
E’ Riccardo Muti a braccia alzate,
un attimo prima che l’orchestra esploda.

La primavera arriva per caso,
nessuno l’ha inventata.
E’ arrivata all’improvviso anche la prima volta che c’è stata,
ed ha sorpreso chi c’era,
che nessuno poteva immaginare una tale meraviglia,
prima di vederla,
prima che apparisse sulla terra.

La primavera è nata per errore,
dal tentativo di ottenere qualcos’altro.
Oppure è l’opera di un folle,
determinato a riaccendere il mondo,
e dare una voce ad ogni promessa,
un colore ad ogni respiro,
un corpo ad ogni sogno.

http://bikeride.it/diario/blog.php?id=342


CommentaScrivi postVai al blog

Diario clandestino di Alessio Di TommasoLa tua è una tenue traccia fra milioni di altre, non più importante ma unicaalessio.ditommaso@gmail.comCopyright © 2002 - 2020